La storia del bignè: tipi di bignè e origine

La Storia Del Bignè: Tipi Di Bignè E Origine

Oggi ti parleremo dei bignè, buonissimi e versatili, un must della pasticceria che piace davvero a tutti, grandi e piccini.

Questo perché sono soffici, golosi e si prestano bene a qualsiasi copertura o farcitura. Non sono semplici da realizzare e difatti ti invitiamo gustarli soprattutto in pasticceria, così che il loro potenziale sia sprigionato al massimo della bontà.

In questo approfondimento andremo a scoprire la storia dei bignè, le varie ricette, la differenza con la pasta choux e numerose curiosità di questa deliziosa creazione.

 

Storia del bignè: un classico della pasticceria internazionale

Possiamo innanzitutto sottolineare che narrarti la storia dei bignè significherà raccontare quella della pasta choux impiegata per fare i così tanto richiesti éclair ad esempio.

La pasta bignè si compone di una serie molto semplici di ingredienti ovvero: acqua, farina, uova e burro. La preparazione è un po’ articolata ma non impossibile da ottenere anche in casa se sei bravo a destreggiarti tra i fornelli. Gli ingredienti dei bignè difatti saranno da lavorare a caldo e in modo rapido.

La storia dei bignè vuole che siano stati realizzati per la prima volta a Firenze nel XVI secolo da un cuoco di nome Penterelli al servizio della sofisticata e visionaria Caterina de’ Medici, furono poi migliorati dal cuoco successivo il noto Popelini.

L’idea della pasta prese poi slancio, fu importata in Francia e lì che vennero inventati i piccoli e deliziosi pasticcini farciti detti bignè.

All’ora come oggi erano di forma rotondeggiante, cotti per pochi minuti ad altissime temperature, cosicché divenissero cavi e spumosi: il modo perfetto per accogliere le farce più disparate.

Tra le farciture più utilizzate per fare i bignè ricordiamo: la classica crema pasticcera, la crema chantilly, la crema al cioccolato, la crema zabaione tra le più amate in Francia.

Fu proprio nelle corti francesi che nacquero alcune torte che impiegavano i bignè in modo scenografico e barocco ancora oggi molto note come la piramide di dolcetti ricoperti da caramello chiamata croquembouche, il Paris Brest, Saint-Honoré e i deliziosi profiteroles.

La cosa interessante della pasta choux per bignè è che è versatile come poche: si presta molto bene anche per produzioni salate. Li hai mai riempiti con mousse di formaggio spalmabile, verdure, tonno o prosciutto cotto? Otterrai stuzzichini finger food e aperitivi di grande eleganza e gusto.

 

Pasta choux: storia, gli ingredienti, curiosità di un grande classico

La pasta bignè è un classico dunque della pasticceria italiana ma anche di quella francese perché versatile, gustosa e costituita da ingredienti semplici. Quali sono dunque gli ingredienti della pasta per bignè? Acqua o latte, burro di qualità, farina, uova fresche.

Perché è interessante la storia della Pasta choux? Perché il termine choux tradotto in italiano significa “cavolo”. Come mai? Perché la sua forma ricorda quella dei cavoletti di Bruxelles. Il nome fu ideato nel XIX secolo dal pasticcere creativo di Jean Avice il quale introdusse farciture di crema pasticcera o crema chantilly, presentandoli guarniti di caramello (croquenbouche) o ricoperti da una cascata di cioccolato fondente (profiteroles).

 

Tipi di bignè: i modi per utilizzarli in pasticceria

Appurato che la pasta choux è estremamente versatile e dà luogo a bignè e torte di ogni sorta scopriamo ora le preparazione più utilizzate in pasticceria così da fornirti anche degli spunti per la prossima torta a domicilio su Roma da ordinare.

  1. I Profiteroles: ti perderai in un golosa piramide di bignè che farciremo come vorrai, dal modo più classico con crema Chantilly a quello più ricercato.
  1. Croquenbouche: un dolce realizzato in Francia soprattutto durante le festività data la complessa struttura conica di bignè farciti e connessi insieme dal caramello dorato e prelibatissimo.
  1. Zeppole di San Giuseppe: il più grande classico prodotto in Italia meridionale per la festa del Papà o nei banconi dei mignon, farciti con crema pasticcera e amarena.
  1. Saint-Honoré: una torta classica decorata con una corona di bignè farciti di panna.
  2. Il nostro choux chantilly variegato alla nutella: una golosissima ciambella di pasta choux farcita con crema pasticcera e nutella.

 

Ricorda che le nostre torte sono realizzate ogni giorno nel nostro laboratorio con ingredienti freschi e di qualità dai nostri pasticceri, delizie artigianali per festeggiare momenti speciali.

Condividi questo post!

Naviga nel sito

Solo noi consegniamo torte freschissime su TUTTA ROMA, anche fuori raccordo, in poche ore!
Dopo che avrai scelto la torta che più preferisci, nel checkout potrai inserire giorno e ora della consegna. 
Riceverai la torta attraverso il nostro servizio di delivery specializzato nelle consegne di alimenti delicati, quindi potrai stare certo che potrai mangiare il tuo dolce come se lo avessi appena ritirato dalla nostra pasticceria.