Colazione dolce: prepariamo un insolito french toast!

Colazione Dolce: Prepariamo Un Insolito French Toast!

L’11 maggio, a Roma, sono stati assegnati i David di Donatello 2021. Prendiamo spunto da quest’aria di cinema che non è ancora del tutto evaporata per proporre una rivisitazione del french toast, ricetta resa celebre da un film del 1979, Kramer contro Kramer, che David ne vinse tre, assieme a tanti altri riconoscimenti. Indimenticabile Dustin Hoffman alle prese col suo nuovo ruolo di papà a tempo pieno che cerca rovinosamente di preparare un french toast per la colazione del figlioletto: col passare del tempo, però, i due diventeranno una piccola, perfetta macchina di organizzazione.

Un tributo a un film che ha fatto storia e nello stesso tempo a un prodotto di cui andiamo fieri, il nostro tronchetto ubriaco.

French toast (o tronchetto french…): la ricetta

French toast col tronchetto ubriaco: una versione insolita, rispetto a quella tradizionale, e più aromatica. Accompagneremo le istruzioni per prepararlo a consigli sulla ricetta classica ma vi consigliamo vivamente la nostra!

Gli ingredienti necessari sono 2 uova, 100 ml di latte, delle fette di tronchetto (in alternativa pan brioche), una noce di burro, zucchero a velo. Il grado di difficoltà è bassissimo.

Sbattete bene le uova assieme al latte, poi immergete le fette di tronchetto nel composto. Potete anche decidere di arricchirle con del burro: in questo caso, prima di immergerle, unitele a coppia, come per un toast. Il tronchetto è già abbastanza gustoso e non è il caso di coprire i suoi sapori, il pane brioche potete anche unirlo a un velo di marmellata o qualche altro ingrediente a vostro piacimento.

Sciogliete il burro in una padella antiaderente, appena sfrigola aggiungete il pane facendolo rosolare per bene. Asciugate con carta assorbente e spolverizzate con zucchero a velo. Se utilizzate del pan brioche potete anche aromatizzare le uova con della vaniglia o cannella. La stessa ricetta si può preparare per smaltire avanzi di panettone, o di colomba.

Con del semplice pane a cassetta, e con lo stesso procedimento, si può realizzare anche una versione salata del french toast, aggiungendo del sale alle uova ed eliminando lo zucchero a velo alla fine.

 

French toast: alcuni cenni storici

A quanto pare le prime tracce di una ricetta simile al french toast, il pan dulcis, risalgono ai Romani, e si trovano nel ricettario attribuito a Marco Gavio Apicio. Si parla di fette di pane immerse in una miscela di latte e uova, fritte nell’olio o nel burro e poi rivestite di miele.

In Germania la preparazione, nota col nome “poveri cavalieri”, termine poi ripreso anche in Inghilterra, sembra risalga al XIV secolo. Nello stesso periodo compare anche in un noto ricettario francese, Le Viandier, del cuoco Taillevent, come “toast dorati”, che non prevedevano però il latte e che sono strettamente legati   al successivo pain perdu, ricetta di riciclo preparata in Francia con del pane raffermo per consumare il pane dei giorni prima.

Simpatica storiella vedrebbe il french toast inventato, nel 1724, da Joseph French, proprietario di una taverna ad Albany, nello stato di New York. Joseph, probabilmente analfabeta, chiamò la ricetta, che proponeva per la colazione, “French toast”, ossia “toast francese”, invece di “French’s toast”, cioè “il toast di French”: da qui deriverebbe l’equivoca attribuzione ai francesi. La vicenda, però, sa più di leggenda anche perché pare che il termine “french toast”, e ispirato probabilmente al pain perdu, fosse già diffuso in Europa prima che i coloni arrivassero nel Nuovo Continente.

 

Il french toast: un’idea che è di tutti

Il mondo dei dolci, e lo stiamo imparando pian piano, è fatto di numerose ricette che sono simili tra loro, e anche di mille varianti per ognuna. Soprattutto quando si parla di preparazioni molto semplici, che prevedono pochi ingredienti, che è facile realizzare senza nemmeno bisogno di chissà quale grande fantasia, non si può parlare di una sola origine. Si va più che altro alla ricerca di fonti ufficiali, il primato va a chi ha saputo lasciarle. Specialità di pane fritto sono previste in tutto il globo terrestre, e troviamo ricette che somigliano al french toast in paesi come la Spagna, la Turchia, il Messico, Di conseguenza sono numerosissimi anche i nomi: toast spagnolo, toast di suora, toast zingaro, solo per citarne alcuni. in Canada di parla di “Pain Doré”, che di solito viene accompagnato da sciroppo d’acero. Il già citato pain perdu francese ha sviluppato, nella regione della Normandia, una sua versione, che utilizza ingredienti locali, detta pain perdu à la normande.

E non consideriamolo più come un semplice cibo da riciclo, il cibo delle tavole povere: spesso il french toast viene trattato piuttosto come un pasto sofisticato che caratterizza, ad esempio, i brunch eleganti di numerosi locali di Dublino, in cui viene proposto e accompagnato in numerosissime versioni.

Il modo, invece, in cui accompagnerete il vostro french toast, quello che preparerete a casa, dipenderà dal vostro estro, umore, gusto. Per la nostra ricetta, che prevede un ingrediente di base già molto ricco, consigliamo ingredienti semplici e tradizionali: panna montata, frutta fresca, sciroppo d’acero.

Condividi questo post!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti potrebbe interessare anche...

Naviga nel sito